La madre degli stolti è sempre incinta… e ha un profilo facebook (e i suoi figli, pure)

Non sono fra i peggiori detrattori di facebook, perché spesso mi rivela la vera natura delle persone, e io preferisco sempre sapere.

1 - Copia 2 - Copia 3 - Copia 4 - Copia5 - Copia6 - Copia 7 - Copia 8 - Copia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e Società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

30 risposte a La madre degli stolti è sempre incinta… e ha un profilo facebook (e i suoi figli, pure)

  1. tuttotace ha detto:

    Ecco vorrei trovare parole sensate ma non me ne vengono. Salvo portare decine e decine di orribili casi di raccapricciante violenza accaduti ben al di sopra della linea del Po. Ma direi che in questi casi ci sia poco da dire. Mi è molto piaciuto quell’ uno contro tutti dove hai tenuto semrpe toni educati senza mai mollare. Inutile dirti che concordo .

    • swann matassa ha detto:

      beh grazie. devo dire che non ho mai pensato di ribattere con notizie altrettanto feroci provenienti dal nord, è un confronto sterile. ho scritto il primo commento persino illudendomi che l’autrice del post si sarebbe resa conto e vergognata. ma sono solo un ingenuo inguaribile.

      • tuttotace ha detto:

        Certo che è sterile, ne convengo e di fatti ben mi son guardata dal farlo. Era un istinto tutto qui. E si, non sei il solo ad essere ingenuo e pensare che con parole sensate il senno entri nella testa della gente.

        • swann matassa ha detto:

          sapessi d’istinto le rispostacce che mi prudevano sulle dita, infatti! 🙂
          come ho letto una volta su una maglietta: “io sono per la chirurgia ETICA: bisogna rifarsi il senNo”

  2. ommadonninasanta. anzi, san genna’! 😛
    e cmq, tra parentesi, swann, io sabato sarò a napoli. per dire, eh.

    • swann matassa ha detto:

      vieni a napoli? e non hai paura? 😉
      oh, se sei disposto a mangiare una pizza cancerogena, ce l’hai pagata, sappilo! il caffé non è buono come quello di treviso (report docet), ma è compreso nel prezzo. poi ti scrivo in privato il mio cell!

    • swann matassa ha detto:

      oh, un blogger napoletano, ho la sensazione che siamo piuttosto rari, grazie del link!
      marta, su questa vicenda tristissima e dolorosa si potrebbero dire molte cose, parlare della stupidità, del bullismo, della mentalità camorristica, del malessere sociale, dello stato pietoso in cui versa il giornalismo italiano… insomma, di tutto. eppure, non è abbastanza: ogni volta che si verifica un evento terribile come questo, diventa spunto per ulteriori odi, per ulteriori mali. mi domando dove riusciremo ad arrivare, prima di implodere.

  3. Wish aka Max ha detto:

    Swann, purtroppo i Social sono lo specchio della società. Non mi stupisce questo dialogo, simile a molti dialoghi sentiti in metropolitana o in autobus, o al bar. Questo è il paese. C’è poco da dire, e poco da fare. Ahimé.

    • swann matassa ha detto:

      i know that. ma su certi argomenti sono ipersensibile, forse 😦
      mi aggrappo a quelle poche persone con le quali riesco ancora ad avere un dialogo (e non ad andare d’accordo, sia chiaro: essere in disaccordo è ok, mi basta che si possegga le basi minime del ragionamento!)

  4. aliceoalmenocredo ha detto:

    sei stato ammirevole nel continuare ad argomentare e a cercare un confronto con persone che, a quanto leggo, sembravano inadatte ad un qualunque tipo di scambio. Purtroppo ha ragione Max, questo dialogo è solo uno specchio e se ci fermiamo a riflettere su questa considerazione non può che raggiungerci una grande tristezza.

  5. Francesco Vitellini ha detto:

    Swann, ringrazia che tu non vivi in mezzo a questi burini brianzoli… Loro si riempiono la pancia di “fenotipismo” (visto che razzismo non si può dire) e poi, nel momento in cui fai un discorso serio e argomentato, decidono che l’argomento non è più di loro interesse.

  6. tiZ ha detto:

    Sei stato grande, Swann !! io gli avrei riservato il silenzio. Su certi argomenti preferisco confrontarmi di persona perché ho constatato che sui social le conversazioni degenerano in un modo sconfortante, triste e volgare. come ha ben detto Wish aka Max; questa gente vota !! io vorrei essere più crudele ma so che hai inteso.

    • swann matassa ha detto:

      mi sembra già ottimistico dire che le conversazioni da vicino siano migliori. a me sembra che i social siano solo lo specchio della società, come hanno detto altri, almeno ho la possibilità di capire come la pensano persone che sono fuori dalla mia cerchia “fisica”.
      qui non ho potuto trattenermi. essendo napoletana, sai quante ne sentiamo: non se ne può veramente più!

  7. Nexus - ha detto:

    Ma come minchia fai a stare su FB? M permetto di ricordarti una frase scritta nero su bianco e quindi agli atti anche di una storiografia mediocre come la nostra: è tratta dal carteggio Cavour – Farini ( luogotenente pro tempore a Napoli nel 1860)
    ” Altro che Italia! Questa è Africa. I beduini a riscontro di questi cafoni sono fior di virtù civile”.
    Non mi pare che la faccenda a 160 anni dall’unità sia cambiata e se è vero che un social come FB, più diretto e legato agli umori immediati della gente comune, è lo specchio della realtà sociale e nazionale il tuo post riferito alla cronaca di questi ultimi giorni lo dimostra. E ti dirò che non cambierà anzi andrà a peggiorare e ci sono buone possibilità che questa specie di nazione unita su cui ci sarebbe da discutere ( ma seriamente) finirà per spaccarsi nuovamente in alcuni tronconi in modo simile al periodo pre unitario per manifesta impossibilità a essere paese comune. Te capì?
    Salutiamo

    • swann matassa ha detto:

      su come (minchia) faccio a stare su fb ho risposto direttamente nel post. salvo eccezioni, non ho su fb contatti che non abbia conosciuto di persona, ma sui social la gente spesso si lascia andare e si rivela per quello che è veramente. la mia opinione dell’umanità è addirittura peggiorata, ma non credo sia colpa di fb: è colpa dell’umanità (o mia, beninteso). non mi sembra che su wp sia molto diverso, a dir la verità. tutti si danno arie da intellettuali perché scrivono dei post piuttosto che postare link cretini, ma alla fine le dinamiche non sono troppo diverse. mi sembra di capire che tu abbia una lunga militanza sul web, forse sei di opinione diversa, in merito.
      questa “specie” di nazione, secondo me, non è affatto una nazione, mi pare che lo dica anche la nostra (mediocre) storiografia. in verità, a volte mi domando più in generale cosa sia mai il concetto stesso di nazione, e se ne esista una.

  8. Nexus - ha detto:

    Swann ( ma non è che per caso ti richiami al personaggio della Recherche ?) il concetto di nazione lo trovi indicato su qualsiasi vocabolario della lingua itailana, sul sito della Treccani o digitando la parola su google, io non ci aggiungerei niente.
    Le nazioni esistono, hanno il loro ciclo, i loro pregi e i loro difetti, ma esistono: con alcune di esse abbiamo confini in comune. Solo quelli!
    Quanto alle arie…l’aria fritta passa, quella buona rimane e per quanto rara ne trovi certamente di più sui blog che su FB o su TW, dipende anche dal mezzo in quel caso e da come è strutturato

    • swann matassa ha detto:

      i miei genitori si sono richiamati al personaggio di proust, per la precisione.
      il sito treccani riporta anche il dibattito teorico sul concetto di nazione, non mi sembra un argomento banale. quando poi lo associamo al concetto di stato… beh, lasciamo perdere, ci infiliamo in un ginepraio.
      di aria buona nei blog se ne trova, per fortuna, sì. ma si fa comunque molta fatica a cercarla e a trovarla, come altrove.

      • Nexus - ha detto:

        Non conosco altre Recherce se non quella proustiana: è la prima volta in Italia che sento un nome così “originale” dato a un bambino. Sì lasciamo perdere il ginepraio…almeno per ora.

  9. Silver Silvan ha detto:

    Mah. Non capisco perché non siano visibili i nomi o i nicknames dei commentatori. È pubblica la pagina, no?

  10. Silver Silvan ha detto:

    Bel titolo. Ecco perché non ho figli.

  11. stileminimo ha detto:

    Potrei usare quella pagina ogni volta che qualcuno mi chiede perché non uso fb!! E perchè preferisco spesso l’isolamento dei monti alle chicchiere da bar. La media è quella, un po’ ovunque, mi sa. Però le riflessioni che ne sono uscite qui sono molto interessanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...