[scrive per noi] – swannmatassa – la verità esiste

i discutibili

Il relativismo è un concetto abusato. È talmente comodo dire che “tutto è relativo”, che tutti esprimono opinioni – no, peggio, giudizi – e pensano che abbiano diritto ad assurgere al rango di verità. La mia verità, la tua verità. La verità è relativa. Ma non è proprio così.

Confondiamo l’inconoscibilità con l’inesistenza e la conoscenza con la realtà. In altre parole, è un problema di spostamento di piano, da quello ontologico a quello gnoseologico. Essere e conoscere non sono la stessa cosa, ma, da inguaribili arroganti deliranti quali siamo, continuiamo da secoli a pensare che quello che non possiamo conoscere non esiste o esiste solo in quanto emanazione di noi stessi, e quindi è diverso per ciascun individuo. “L’uomo è misura di tutte le cose”, diceva Protagora.

Del resto, dio l’abbiamo inventato per questo: dove inconoscibilità e inesistenza non ci convengono più (la morte), ci facciamo venire in soccorso…

View original post 496 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in scienza & conoscenza. Contrassegna il permalink.

3 risposte a [scrive per noi] – swannmatassa – la verità esiste

  1. labloggastorie ha detto:

    Metto mi piace perché il ragionare su queste cose mi piace…di molte cose di cui parli (anche di là sui discutibili con Inteso) devo documentarmi nel caso volessi commentare in linea.
    Però non so mi è venuto da pensare che anche laddove esistesse una verità “assoluta” probabilmente ci sarebbe un “credo relativo”.
    Allora mi chiedo se sia più importante trovare la verità o un “credo” (non nel senso di religione).
    Devo rifletterci…
    Un abbraccio!

    • swann matassa ha detto:

      naturalmente c’è una buona dose di provocazione in quello che ho scritto.
      quello che tu dici è giusto nella misura in cui il “problema” di definizione della verità è quello dell’adesione alla realtà e quindi soggetto a tutti i limiti di conoscibilità dei nostri sensi, della capacità di comprensione della nostra mente, della capacità di espressione del nostro linguaggio.
      io propongo solo di sfrondare da questi limiti tutto il “di più”, cioè tutta quella parte di menzogna, di sotterfugio, di utilizzo subdolo di teorie (fra cui quelle scientifiche, e da qui l’esempio della quantistica) che ci allontanano dalla realtà e dai quali ci lasciamo allontanare. insomma, se non verità, almeno “trasparenza”!

  2. Ti ho commentato di là, ma te lo riporto anche qui il mio commento:

    Sono a bocca aperta. Proprio oggi dicevo a una persona quanto detesti quello che io definisco “qualunquismo emotivo”, e il mio pensiero era molto legato a questa tua incisiva e condivisibile riflessione. Riconoscere l’eterogeneità della fallace natura umana non significa giustificare ogni cosa, compreso certo schifo, con quel banale e abusato concetto che “è vero tutto e il contrario di tutto”.
    Ciao, swann.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...