La vita è del segno dei gemelli

La vita è del segno dei gemelli. Se esistesse una personificazione dell’esistenza, antropomorfa come una divinità greca, non sarebbe una versione luminosa della morte – donna vestita di bianco e col cappuccio calato sul volto a nasconderne i lineamenti – ma un giano bifronte che guarda al tempo stesso a nord e a sud, che ride e che piange, che soffre e gioisce. La vita è un ossimoro. È l’equilibrio fra gli opposti, è l’eraclitea lotta-armonia fra contrari, è l’alternanza di gioia e dolore. Quando si vuole sintetizzare, si dice “il sale della vita”, ma il gusto vero dell’esistenza sta nel dolce e nell’amaro.
Io non so come si cavalca questo cavallo impazzito, non so se è giusto procedere al passo, al trotto o al galoppo, non ho la minima idea di come si possa domare questo animale selvaggio, né se lo si debba fare. Quello che so è che non s’impara mai a vivere. È una cosa che si deve fare e basta. Questo forse dovrebbe dirci qualcosa sul suo valore. In un certo senso, la vita, di per sé, non vale niente, non ha significato. Perché è tutto. Non si può dare un senso al tutto. È come per un prezzo, che puoi stabilire solo per qualcosa che sia in vendita. La vita non può esserlo. Dovremmo imparare che è inafferrabile, per la mente e per i sensi. La vita, in effetti, è Dio.
La vita è il vento nella meteorologia del tutto. È la brezza del cosmo. È il movimento di un nulla. È lo spostamento di un’idea. Non c’è nient’altro.
Ne parlo perché è parlare di me, e di tutto il resto. Ci penso perché è come viverla di più, ripercorrendola a più livelli. E non vorrei smettere più.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

31 risposte a La vita è del segno dei gemelli

  1. r. ha detto:

    Quanto è vero. Quanto è bello. Quando pensiamo di averla in mano, di averle dato un nome, un colore, un senso, un profumo, una forma… un suono, ecco, proprio in quel momento ci rendiamo conto non è più quella di prima, è diversa da come ci sembrava, perché ha cambiato tutte le sue forme. O perché i nostri occhi e il nostro cuore c’avevano ingannato…

    (Da un gemelli… :P)

  2. swannmatassa ha detto:

    r., quando mi scrivi un bel post per “the others”?
    adesso che hai fatto sta cosa del reality post come minimo potresti scrivere qualcosa sulla vita in rete, sull’interazione fra blogger, sulla collaborazione virtuale… che ne pensi?

  3. ludmillarte ha detto:

    nient’altro da aggiungere, se non complimenti 🙂

  4. ecoarcobaleno ha detto:

    Non esisterebbe il giorno senza la notte, il bene senza il male…e questa è la filosofia del TAO
    http://it.wikipedia.org/wiki/Tao
    non ci inventiamo nulla di nuovo in questa vita, anche se a noi sembra tutto così nuovo, unico ed irripetibile ed il bello della danza, della nostra danza è proprio questo 🙂
    c’è mi pare la seconda legge della termodinamica che afferma una grande cosa e cioè che lo stare fermi e morte ed il mutamento è vita quindi che vi sia sempre mutamento per tutti.
    Ora non ho il libro a portata di mano in cui lesi sta cosa, ma appena possibile chiarirò il concetto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...